Il principe Harry si sposa a maggio ed io non so cosa mettermi 2020-03-02T10:51:10+00:00

Project Description

venerdì 6 marzo 2020, ore 21:00
sabato 7 marzo 2020, ore 20:00
domenica 8 marzo 2020, ore 17:00

(RIMANDATO A DATA DA DESTINARSI)

Il principe Harry si sposa a maggio ed io non so cosa mettermi

di Rita Biamonti

regia Rita Biamonti

con Patrizia Bernardi e Antonella Cocciante

musiche originali Lorenzo Ragot

illustrazioni Aurora Rotellini

video Luca Cococcetta

foto Donatella Mecchia

con la partecipazione di Valeria Bafile, Andrea de Petris, Giuliano Maragni, Nicolas Masciovecchio, Assunta Alfonsetti, Massimiliano Cotugno, Tiziana D’Ascenzo, Pethum Perera, Francesca Cocciante, Simone Volpi, Roberto Ciuffetelli

produzione Animammersa

durata: 60 minuti

STAGIONE GENNAIO-APRILE 2020
FALSO VERO

Quante imprevedibili conseguenze ha portato il matrimonio del principe Harry, e non solo per la regina Elisabetta! Perfino una donna sola, dimenticata nella sua abitazione e lontanissima dal mondo dorato dei reali d’Inghilterra e dalle loro storie, può avere a che fare con il principe. Ma come? Il Principe Harry si sposa a maggio ed io non so cosa mettermi racconta i sentimenti, a cominciare dall’amore, attraverso una protagonista goffa e ironica di fronte a un inaspettato sconvolgimento emotivo. Uscire dalla propria zona di conforto o rimanere comodamente seduta in seconda fila vivendo ed osservando il mondo che la circonda? Ne scaturisce un dialogo dentro e fuori di sé che la diverte e la spaventa, in un gioco tra realtà e fantasia che si dipana tra le pieghe della quotidianità.

Succede, tal volta, che quando qualcosa occupa prepotentemente i nostri pensieri si abbia come l’impressione che ogni cosa che noi ascoltiamo o leggiamo parli di quell’argomento. Come quando ci capita la sventura di dover portare il gesso e solo allora ci accorgiamo di quante persone intorno a noi vivano la medesima sorte. Interesse provvisorio, certo, ma lo stupore che proviamo ha sempre l’intensità della prima volta. Ed è così che si sente la protagonista di questa commedia, Sabrina, la quale ben attenta a nascondere a tutti ciò che sta vivendo, si sente circondata da storie e confidenze che hanno nel tema dell’amore e dei suoi “derivati” l’elemento caratterizzante. Articoli online, trasmissioni televisive, voci carpite involontariamente di discussioni altrui, ogni cosa parla d’amore. E noi stessi, nella vita reale siamo stati testimoni dell’interesse di tutti i mass media che hanno fatto a gara nel trasformarsi nel calendario del conto alla rovescia verso il royal wedding che tanto li appassionava! Ne poteva lei, forse, rimanere immune? In ogni storia che ascolta o che racconta è presente un indizio che travalica il tema portante, squarcia il velo dell’intimità, e illumina aspetti più profondi che riguardano l’io e, in certi casi, la vera natura delle nostre relazioni. Tutto trattato con i toni leggeri dell’ironia e dell’autoironia che rappresentano il marchio distintivo del suo essere. In fondo, Sabrina, è un personaggio simile a tante donne che ci girano intorno e che ammettono di non essere sempre pronte pronte difronte ad ogni cosa, come lei che scricchiola, inciampa, non si auto assolve, ma non si nega il diritto di giocare mantenendo aperto quel dialogo sano tra inconscio e coscienza che ci salva dal cadere nel baratro del ridicolo. Poi si allontana da noi con leggerezza e naturalità, libera dalle costruzioni del linguaggio narrativo, ci sfiora la spalla e torna ad abitare, non la scena come finora è stato, ma la vita di tutti i giorni dalla quale proviene. O almeno così ci piace pensare.

Rita Biamonti, diplomata in drammaturgia alla Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, ha debuttato nel  1983 come autrice con il testo teatrale Estemporanea prodotto dal Teatro Universitario de L’Aquila. Nel 2019 scrive e dirige la commedia Il principe Harry si sposa a maggio ed io non so cosa mettermi.

Patrizia Bernardi è stata con Andrea Adriatico tra i fondatori della compagnia :riflessi e di Teatri di Vita, dove ha lavorato in numerosi spettacoli, tra cui, recentemente, Is,Is Oil, Un pezzo per Sport e La maschia. Con l’associazione Animammersa è tra i protagonisti della rinascita culturale de L’Aquila.

Per questo evento si applicano i Biglietti Verdi:
intero ……… 15 euro
ridotto (convenzioni, +65) ……… 13 euro
under 30 ……… 9 euro
abbonamento (gen-apr 2020) ……… 59 euro
carnet 5 ingressi (gen-apr 2020) ……… 65 euro

VAI ALLA PAGINA PER L’ACQUISTO CON CARTA O PAYPAL SENZA MAGGIORAZIONE DI PREZZO

ATTENZIONE! E’ DISPONIBILE IL BIGLIETTO PER TUTTA LA DOMENICA, COMPRENSIVO DI FILM (ore 11) + BRUNCH (ore 13) + SPETTACOLO: QUI LE INFORMAZIONI SUL FILM E SUL BIGLIETTO DELLA DOMENICA