Delirio di una TRANS populista





delirio di una TRANS populista

un pezzo dedicato a elfriede jelinek

di andrea adriatico

con eva robin’s

e saverio peschechera, alberto sarti, stefano toffanin...

suono, scene e costumi: andrea barberini

cura: daniela cotti, monica nicoli, saverio peschechera, alberto sarti, sarah patanè, isabella gatti, rabii sakri
grafica di albertina lipari de fonseca

grazie a anna amadori, stefano casi, giulio maria corbelli, elena di gioia, peraspera festival

una produzione teatri di vita in collaborazione con festival focus jelinek e il sostegno di comune di bologna – settore cultura; regione emilia romagna – servizio cultura; ministero per i beni e le attività culturali.

a marcella di folco

anteprima: Festival perAspera, villa Aldrovandi Mazzacorati, Bologna, 21 giugno 2013

prima: Festival Cuore di Brasile, Teatri di Vita, Bologna, 25 giugno 2014

Visioni critiche  

 

Un “pezzo” teatrale, con le parole di Elfriede Jelinek che si trasformano nella voce e nel corpo di Eva Robin’s. Una rilettura straniante per accarezzare il mondo logorroico della scrittrice austriaca, Premio Nobel 2004, e per sondare il mondo macerato in cui agiscono i fantasmi, fin troppo realistici, dell’orrore quotidiano in cui viviamo, in una visione al contempo politica e psicologica dei nostri ingloriosi anni.

 

Il lavoro fatto da Eva Robin’s sotto la direzione di Andrea Adriatico è “un pezzo”: Ein Stück, lanciato come il frammento di un discorso, amoroso e rabbioso al tempo stesso, verso il presente.

 

Lo spettacolo ha avuto la sua anteprima al festival perAspera (giugno 2013) con il titolo “Delirio di un leader populista”.

 

 

“a nessuno viene veramente in mente di ribellarsi, un’impresa senza speranze.

 perlopiù diciamo qualcosa di molto semplice.

da grandi altezze però suona diversamente…” 

 

 

LE SELFIE DURANTE LO SPETTACOLO