coppa.jpg
piedemini.gif
present.jpg
ultimo aggiornamento 28 giugno 2011
teatro produzioni
carloweb.jpg
ANGELA_BARALDiweb.tif
EVA_Robin'sweb.jpg
FRANCESCA_MAZZAweb.tif
Samuel Beckett visto da Andrea Adriatico
Carlo Masi in
Senzaparole
con Marco Matarazzo

Angela Baraldi in
Dondolo

Eva Robin's in
Giorni felici
con Gianluca Enria

Francesca Mazza in
Non io


produzione Teatri di Vita 2009
Nel 1989 Andrea Adriatico realizza il suo primo spettacolo un mese e mezzo prima della morte di Samuel Beckett: si tratta di Dondolo a cui il regista dà come titolo Le ceneri di Beckett (collegamento al vecchio sito).
Nel 2009 i vent'anni dalla morte di Beckett e i vent'anni dall'inizio di un percorso artistico sono l'occasione per ritornare a intrecciare un dialogo che, mai esplicito, aveva percorso sotterraneamente l'opera di Adriatico. Nascono così quattro spettacoli che fin dal titolo e sottotitolo comune mostrano la particolarità di questo dialogo: non una semplice messa in scena, ma la visione di un autore della scena verso un autore del testo.

Dondolo è l'allestimento del testo di Beckett ed è l'esatta ripresa dello spettacolo del 1989. Giorni felici e Non io sono nuovi allestimenti dei due testi di Beckett. Questi tre spettacoli hanno debuttato il 16 aprile 2009 in una serata unica.
Senzaparole è un nuovo allestimento, ispirato agli Atti senza parole di Beckett. Debutto: 12 ottobre 2009.
Non io nei giorni felici
contatti per la distribuzione
il saggio
VIA EMILIA PONENTE 485 (BO)
dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18
NON IO
NEI GIORNI FELICI
Beckett, Adriatico
e il teatro del desiderio

acquistalo on line
teatri di vita
teatridivita.gif
i l  t e a t r o  c h e  v e d e  d o v e  a l t r i  n o n  g